Il Picchio rosso maggiore (Picoides major L.) nella limitazione naturale delle popolazioni della Saperda maggiore del pioppo (Saperda carcharias L.)

ALLEGRO G.



Abstract:

Negli anni 1988/90 è stato realizzato uno studio sull'importanza della predazione del Picchio rosso maggiore verso la Saperda maggiore, pericoloso parassita xilofago del pioppo. L'analisi delle "life tables" dell'insetto ha evidenziato che il principale fattore di mortalità è rappresentato dalla reazione dei tessuti corticali della pianta, che è in grado di eliminare fino all'800Jo delle uova e delle giovani larve. Non è tuttavia trascurabile l'azione del Picchio rosso maggiore, che preda le larve del parassita durante l'inverno, distruggendo nei casi più favorevoli oltre il 50% della popolazione larvale svernante. In base ai dati raccolti in 28 pioppeti padani la predazione appare più elevata nei pioppeti adulti e confinanti con aree di bosco naturale rispetto ai pioppeti più giovani e isolati. Esiste inoltre una correlazione positiva tra l'entità della predazione e la presenza di cavità-nido o dormitorio scavate dal picchio, e, almeno per i pioppeti golenali, tra il primo fattore e la densità di popolazione della Saperda. L'evidenza di una risposta funzionale del predatore consente interessanti ipotesi sul ruolo del Picchio rosso maggiore nella limitazione naturale delle popolazioni di Saperda carcharias.